“Domande e risposte” e organizzazione visiva

6) Organizzare il testo con una struttura “Domande e risposte”

Lo schema Domanda-Risposta permette un controllo completo su come il lettore otterrà informazioni. Il percorso di lettura, infatti, è molto rigido, quindi non consente libere interpretazioni ma soltanto la possibilità di scegliere poche e selezionate opzioni.

Non è una struttura particolarmente creativa, e può risultare molto noiosa.

Non a caso si usa solo per scopi puramente funzionali, come le Domande e Risposte (FAQ) di un sito web, le appendici dei manuali tecnici e di quelli orientati alla risoluzione dei problemi.

ESEMPIO

D. Come posso contattare la vostra azienda?

R. Può scrivere a info@scrittura.org, telefonare allo 0815268046 o contattarci attraverso Skype aggiungendo scrittura.org tra i suoi contatti.

D. Come posso riavviare il computer in caso di blocco?

R. Premendo per 5 secondi il tasto verde posto sul retro del computer.

7) Organizzazione visiva

Ci sono alcuni documenti in cui l’elemento grafico è prevalente rispetto al contenuto.

In questo caso, trasformare le immagini in testo può risultare faticoso per te e inutile per il lettore. Con ”l’organizzazione visiva” l’informazione è trasformata in grafici, tabelle, schemi, liste ed elenchi puntati. L’esempio più conosciuto di organizzazione visiva di un testo è quella dei foglietti per montare i mobili di una famosa multinazionale svedese. I testi sono ridotti al minimo, in alcuni casi completamente assenti. I disegni descrivono tutto.

ESEMPIO

Nel mese di dicembre 2008 abbiamo avuto una crescita del 33% nella vendita del prodotto X, ma i margini di profitto si sono ridotti del 12% a causa dell’aumento delle materie prime usate nel processo di produzione.

La tecnica è efficace ma stancante: immagina di doverlo fare per 200 grafici.

È molto più semplice usare i grafici, e affiancare delle didascalie sintetiche.

  • Grafico 1. Andamento vendite dicembre 2008.
  • Grafico 2. Aumento delle materie prime.
  • Grafico 3. Riduzione dei profitti.

ESEMPIO 2

Immagina di dover descrivere il successo dell’operazione Bambini al Museo.

Potresti scrivere: “Nel 2000 sono stati 44.449 i bambini che hanno visitato Palazzo Vecchio a Firenze, una cifra che è diminuita di circa 2.000 unità nel 2001 per poi risalire nel 2002…”

Oppure usare un grafico.

Con una didascalia così: Numero dei bambini che hanno visitato Palazzo Vecchio nel periodo 2000-2007.

Con una didascalia così: Numero dei bambini che hanno visitato Palazzo Vecchio nel periodo 2000-2007.

Ricordati di noi!