Cercare le informazioni per iniziare a scrivere

Cercare le informazioni per iniziare a scrivere

A questo punto manca un solo passaggio prima di iniziare a scrivere: cercare, selezionare e organizzare le informazioni per ogni singola voce del tuo indice. Probabilmente avrai già accumulato molto materiale quando volevi farti un’idea sull’argomento da trattare; altrettanto probabilmente ti mancheranno molte cose perché in fase di sviluppo dell’indice sono emersi elementi secondari. Bene, ora è il momento di ricominciare a cercare informazioni utili.

Le fonti di ispirazione: giornali, riviste, libri, siti web

Quando non esisteva il web, cercare le informazioni era un’attività al limite della follia. Chi è cresciuto direttamente con Internet non può capire cosa significhi fare 300 telefonate per ottenere un’informazione, oppure dover leggere 100 pagine per cercare di ricordare dove avevamo letto quella cosa tanto interessante. Oggi con Google è molto semplice: in pochi secondi si ottengono informazioni su qualsiasi argomento. A questo punto, la difficoltà non è trovare le informazioni, ma capire quali, tra una massa infinita di dati, possano essere considerati attendibili e quindi utili.

Fonti primarie e fonti secondarie

Valutare l’attendibilità di un’informazione richiede un forte senso critico e qualche dritta giusta. Una stessa fonte può essere primaria o secondaria a seconda del contesto o dell’uso che devi farne. Ad esempio, “I Promessi Sposi” sono una fonte primaria se stai studiando il romanzo, una fonte secondaria se stai scrivendo della vita di Alessandro Manzoni.

Il Diario di Anna Frank è una fonte attendibile se stai scrivendo di Anna, una fonte secondaria se invece devi scrivere dell’Olocausto.

Un’informazione fornita in tempo reale è più attendibile di una ripresa dal passato. Ad esempio, un articolo scritto da un cronista su di un avvenimento di due giorni prima è più attendibile di un pezzo del cronista scritto su avvenimenti di tre secoli prima. In questo caso, infatti, il cronista ha dovuto cercare le informazioni da altre fonti, che noi non possiamo verificare o che possono contenere errori. La distinzione tra fonti primarie e secondarie, quindi, non è legata soltanto al mezzo, ma anche all’autore e al contenuto del testo.

Il sito web amatoriale di un idraulico professionista è più attendibile di un articolo scritto dal giornalista del Corriere della Sera, se l’oggetto dell’articolo è il calcare.

Questo non significa che devi passare la vita a controllare le fonti: se stai prendendo informazioni dalla Treccani, da statistiche ufficiali, da dati dell’Istat, puoi dare per scontato che si tratti di informazioni quasi certamente attendibili.

Libri, enciclopedie, riviste, guide

Anche se abbiamo perso l’abitudine, perché ci precipitiamo subito a cercare sui motori di ricerca, dare un primo sguardo alle fonti che si hanno in casa o in ufficio può essere molto utile. Enciclopedie e vecchi libri di scuola sono fonti attendibili e, anche se non esauriscono un argomento, sono un buon punto di partenza per iniziare a scrivere.

ESEMPIO

Riprendiamo l’esempio della precedente lezione. Quali altri fonti primarie possiamo cercare in relazione ai monumenti di Roma? Una visita al sito del Comune o al sito di promozione turistica di Roma e provincia è una buona idea.

Per i ristoranti, ci sono alcune guide attendibili. Ad esempio, le versioni cartacee e online delle guide Michelin e Gambero Rosso possono darti delle indicazioni molto utili sui ristoranti dove si mangia bene spendendo tanto. Le trattorie popolari, meno visibili, possono essere trovate su altre guide, come quelle dell’Espresso o di altre case editrici.

Per le strade dello shopping, se non sono indicate sul sito del Comune, un buon trucco è andare sui siti ufficiali dei grandi stilisti e verificare dove si trovano i loro negozi della Capitale. Ti accorgerai, al terzo sito, che si trovano tutti in 2 o 3 strade di Roma.

Per le informazioni utili, le fonti primarie sono direttamente i siti delle aziende di trasporto, delle cooperative di tassisti, delle Asl e degli ospedali di Roma. Tutte queste informazioni, di solito, si trovano anche sui siti delle amministrazioni comunali.

A questo punto il tuo lavoro di preparazione è finito e sei pronto per iniziare a scrivere.

Condividi