L’obiettivo deve essere specifico

L’obiettivo del testo deve essere specifico e non generico.

Che cosa significa obiettivo specifico? Vediamo un esempio:

UNA VERNICE CHE NON SI GRAFFIA

La Techvern, azienda di Vicenza, ha messo in commercio Nograf, una nuova vernice che non si graffia. Grazie ad una tecnologia che unisce titanio e acciaio, la Techvern ha ottenuto una miscela che è inattaccabile da qualsiasi altro materiale. La nuova vernice potrà essere usata per auto, moto ma anche porte, finestre e altri supporti.

Il Responsabile Marketing ha deciso di scrivere una lettera a tutti i rivenditori Techvern per informarli di questo nuovo prodotto.

Il nostro Responsabile ha sintetizzato così il suo obiettivo:

“Voglio informare i rivenditori sui seminari dimostrativi dedicati al nuovo prodotto Techvern”.

Informare sui seminari dimostrativiè un obiettivo troppo generico per essere efficace, perché significa tutto e niente. Potrebbe significare che la lettera vuole:

  • Informare sulle date dei seminari?
  • Informare sui contenuti dei seminari?
  • Informare che il seminario è gratuito e aperto a tutti?
  • Informare sul luogo dove si svolgono i seminari?
  • Informare su come prenotare la partecipazione?

Come vedi sono tante le obiezioni che si possono sollevare a questo modo di definire l’obiettivo.

Come vedremo in seguito, alcune vogliono “informare e convincere”, “informare e scusarsi”, “informare e vendere”, ma comunque informare.

Quindi vediamo di aiutare il nostro Responsabile Marketing a fare un passo avanti.

Come sarebbe giusto definire quest’obiettivo?

Abbiamo detto che la Techvern ha messo in commercio una nuova vernice che non si graffia. Grazie ad una tecnologia che unisce titanio e acciaio, la nuova miscela è inattaccabile da qualsiasi altro materiale. Può essere usata per auto, moto ma anche porte, finestre e altri supporti.

Il modo migliore di definire l’obiettivo dovrebbe essere:

Voglio spingere il rivenditore a prenotare la sua partecipazione al seminario dimostrativo del 20 ottobre”.

Qual è la differenza?

Il primo obiettivo (Voglio informare i rivenditori sui seminari dimostrativi sul nuovo prodotto Techvern) si può definire un obiettivo generico e passivo, perché è concentrato su chi scrive e non dice al lettore cosa fare.

Il secondo obiettivo (Voglio spingere il rivenditore a prenotare la sua partecipazione al seminario dimostrativo del 20 ottobre) è un obiettivo attivo e specifico, perché vuole provocare una reazione da parte del destinatario.

Siamo sulla buona strada. Vediamo però come rendere il nostro obiettivo ancora più specifico.

Ricordati di noi!